martedì 28 giugno 2016


Humus 

(Purea di ceci e salsa di sesamo)

(Ricetta fotografata passo passo)

...............
   
L' Humus é un antipasto piuttosto antico a base di ceci e salsa di sesamo tipica del Medio Oriente. Semplice da realizzare ha un gusto decisamente particolare, delicato e aromatico ma nello stesso tempo leggermente aspro per via del succo di limone. 
..........................

 Dosi per: 4 persone
 Costo: medio/basso         
 Tempo preparazione: 30 min. circa 
 Tempo cottura:  cottura ceci in  pentola a pressione 30 min. circa

 Ingredienti:
 1 bicchiere di ceci secchi (dopo la cottura gr. 250/300 circa)
 1 spicchio di aglio
 2/3 cucchiai di salsa di sesamo (tahina)
 olio di oliva
 succo di mezzo limone
 sale
 cumino
 peperoncino dolce tritato (non in polvere) o paprika

Procedimento:

Per prima cosa dobbiamo mettere a mollo i ceci che devono restarvi una notte.

La mattina seguente come potete vedere i ceci hanno raddoppiato il loro volume ed hanno un peso di 250/300 gr. 

Mettiamoli a cuocere in pentola a pressione. Io ho aggiunto due bicchiere e mezzo di acqua e ho cotto per 25 minuti dal primo fischio della pentola.

 Quando i ceci si saranno intiepiditi, versiamoli in un robot da cucina e...

 ...aggiungiamo l'aglio schiacciato, ...

 ...un quarto di bicchiere di acqua, ...

 ...due o tre cucchiai di salsa di sesamo...

 ...il succo di mezzo limone,...

 ...e un po' di sale.

Facciamo partire il robot a media velocita', aggiungendo a filo l'olio di oliva.
video

 Aggiungiamo le spezie: "il cumino e...

 ...il peperoncino dolce o paprika".

 Riprendiamo a mescolare fino ad aver ottenuto un impasto denso, al punto da poter essere spalmato. Assaggiamo per verificare la giusta salatura, e le corrette dosi di spezie e limone, deve avere un sapore gradevole al palato.

 Mettiamo in un piatto di portata...

...aggiungiamo un filo di olio di oliva e del peperoncino dolce o paprika.
Buon appetito!

Note e suggerimenti:

Questo antipasto va' preparato per tempo perche' per essere gustato al meglio deve riposare almeno un ora in frigorifero prima di essere servito.  Ricca dal punto di vista energetico, ma anche vitaminico e minerale questa salsa puo' essere servita da sola, ma anche spalmandola su dei crostini di pane a formare delle tartine per un aperitivo davvero di gran classe. E' anche possibile preparare un tahina casalinga. Occorrono semi si sesamo, olio di semi di sesamo e un pizzico di sale. Tostiamo i semi di sesamo in una padella per un paio di minuti (attenzione a non farli bruciare) e con un frullatore o in un mortaio tritiamo aggiungendo un pizzico di sale e l'olio. Ed ecco la vostra Tahina, da utilizzare in questa ricetta o altre preparazioni. 

Se ti é piaciuta questa ricetta aggiungi un tuo commento! 


lunedì 27 giugno 2016


Yogurt con menta e aneto

(Ricetta fotografata passo passo)



...............
   
Ancora lo yogurt protagonista, questa volta con la menta e l'aneto, una unione perfetta di sapori. 
..........................

 Dosi per: 2 persone
 Costo: basso         
 Tempo preparazione: 20 min. 
 Tempo cottura:  

 Ingredienti:
 4/5 cucchiai di yogurt greco
1 fetta di formaggio tipo Feta
1 spicchio di aglio
1 noce di burro
menta secca
sale 
1 rametto di aneto

Procedimento:
Mettiamo in una ciotola la fetta di formaggio e... 

...schiacciamola bene con una forchetta.

Aggiungiamo lo yogurt e...

...mescoliamo bene.

Schiacciamo all'interno della ciotola uno spicchio di aglio,... 

...e uniamo il sale. (Poco la feta é gia' molto salata)

In una padella scaldiamo una noce di burro ed... 

...uniamo un cucchiaino di menta secca tritata. 

Mescoliamo e spegniamo il fuoco e attendiamo che si raffreddi.

Nel frattempo tritiamo un po' di aneto ed...

...uniamolo al composto. 

Uniamo anche il burro e la menta ormai raffreddati e...

...mescoliamo. 

Mettiamo in un piatto di portata e guarniamo con foglioline di menta fresca. 


Buon appetito!

Note e suggerimenti:

Vi avevo gia' parlato in un'altra mia ricetta dell'ANETO una spezia che, anche se non molto usata e diffusa in Italia, veniva usata in antichita' per la cura di molti disturbi. Favorisce l'espulsione di gas da stomaco e intestino, é un antispasmodico, un diuretico e depurativo, e combatte l'alitosi". Ma anche la MENTA ha svariate proprieta' benefiche, ed é ricca di minerali e vitamine. Vorrei anche dedicare due parole allo Yogurt greco che si differenzia da quello tradizionale sostanzialmente per una operazione in piu' di filtraggio. Lo yogurt tradizionale viene filtrato 2 volte mentre quello greco 3 volte questo lo rende, rispetto al primo, piu' compatto ma sopratutto ne modifica le proprieta' quali; le proteine che sono maggiori, e ne diminuisce il sodio ed il lattosio. Quindi possiamo affermare che lo yogurt greco é piu' digeribile avendo un basso contenuto di lattosio, e quindi indicato nelle diete ipocaloriche.

Se ti é piaciuta questa ricetta aggiungi un tuo commento! 


domenica 26 giugno 2016


Pizza come in pizzeria

(Ricetta fotografata passo passo + video)


...............
   
La pizza é immancabile nella cucina della tradizione italiana. Io l'ho sempre fatta soffice e alta, come quella da forno. Ma da qualche tempo mio marito non la digerisce e quindi sto' sperimentando una pizza piu' leggera e con meno lievito. Ho pensato a quella sottile al centro e con il cornicione intorno come quella delle pizzerie. Ma la cottura? Vi svelo i miei segreti.
..........................

 Dosi per: 4 pizze
 Costo: basso         
 Tempo preparazione: 20 min. per l'impasto 
                                     30 min. prima lievitazione
                                     4/6 ore seconda lievitazione
                                     12/24 ore terza e ultima lievitazione
                                     30 minuti tiratura impasto  
 Tempo cottura:  5 minuti in padella 
                            15 minuti in forno

 Ingredienti:
 500 gr di farina, (meglio la manitoba)
 300 ml di acqua a temperatura ambiente
 10 gr. di sale (2 cucchiaini)
 1,5/2 gr. di lievito di birra secco

Ingredienti per il condimento:
passata di pomodoro
mozzarella 
sale
origano
olio di oliva

Procedimento:
Prepariamo e pesiamo gli ingredienti, la farina,...

...l'acqua,...

...sale e lievito.

 Prendiamo meta' della farina e...

...versiamola in una ciotola, aggiungiamo tutta l'acqua e...

...con uno sbattitore, a mano o in una planetaria mescoliamo  per 2/3 minuti. Questa prima fase é molto importante soprattutto se si usa una farina con poco glutine e quindi debole. Questo dara' piu' elasticita'. 

 Copriamo con una pellicola e mettiamo a riposare a temperatura ambiente per circa 30 minuti.

 Trascorsi i 30 minuti riprendiamo l'impasto, aggiungiamo il lievito sciolto in poca acqua e....

...riprendiamo ad impastare... 

 ...aggiungendo prima circa 50 gr. di farina e poi...

...il sale. 

Come potete vedere io uso una macchina per impastare molto piccola che mi porta fino a qui. Da qui ...

...in poi proseguiro' ad impastare a mano fino ad aver incorporato tutta  la farina rimanente ed...

...aver ottenuto un panetto omogeneo.

Infariniamo il panetto mettiamolo di nuovo nella ciotola, compriamo con la pellicola trasparente e lasciamo riposare a temperatura ambiente per 4/6 ore .

Prendiamo il panetto che, naturalmente sara' aumentato di volume e tagliamolo in quattro parti.

Lavoriamo i quattro panetti e formiamo delle palline...

...che metteremo in un contenitore con il coperchio ermetico,  (due se sono piccoli)... 

 ...ed una volta ben chiusi riporremo in frigorifero per l'ultima lievitazione che durera' da un minimo di 12 ore o anche 24 se volete.

Trascorso il tempo dell'ultima lievitazione prendiamo i panetti dal frigo e lasciamoli a temperatura ambiente almeno una mezzora. Nel frattempo accendiamo il forno, solo il grill superiore e  portiamolo alla massima temperatura. Adagiamo il primo panetto di pasta sul piano di lavoro leggermente infarinato. 
Attenzione!! NON dobbiamo reimpastarlo.

Prepariamo tutti gli ingredienti necessari alla farcitura, pomodoro, olio di oliva, sale e origano, vicino alla padella nella quale andremo a fare la prima cottura. Accendiamo il fornello, il piu' grande in modo da dare calore omogeneo al fondo della padella, e scaldiamola molto bene.

Nel frattempo tiriamo la pasta, a mano, e partendo dal centro verso l'esterno. In questo modo porteremo tutta l'aria della pasta verso l'esterno formando cosi' il cornicione tipico della pizza di pizzeria. All'inizio ci vuole un po' di pratica, io non sono ancora molto brava,  ma piano piano sto' imparando.
video

Posizioniamo  la pasta, nella padella gia' calda con fuoco medio/alto. Farciamo la pizza e cuociamo 5 minuti, vedrete il cornicione che comincia a gonfiarsi. Verificate anche la parte sotto che deve avere l'aspetto un po' "sbrucciacchiato".
video

Prendiamo la padella e posizioniamola nel forno su di una griglia quasi a contatto con il grill superiore. Lo sportello del forno deve restare aperto il manico della padella fuori in modo che non bruci. Spostiamo in continuazione la padella per cuocere in maniera uniforme la parte superiore della pizza. A seconda del tipo di forno e della temperatura raggiunta  ci vorranno dai 5 ai 10 minuti. Vedrete comunque colorarsi il cornicione. Attenzione a non bruciare la mozzarella o il formaggio. 
video

Come vedete il grill é rosso rovente.

Ecco le pizze.

Naturalmente potete farcire a piacimento, ad esempio prosciutto, rucola e carciofini. (Il tutto dopo la cottura)


Buon appetito!

Note e suggerimenti:

Procedimento lungo, lunghissimo ma indispensabile per ottenere buoni risultati, per avere una pizza buona come al ristorante ma sopratutto digeribile. La cosa che personalmente ho trovato piu' difficoltosa é la stesura  a mano, che pero' anche questa é indispensabile per una buona riuscita. Un po' di pratica é quello che ci vuole e anche un pizzico di testardaggine per ottenere questi risultati. Ma ne vale assolutamente la pena. Per contro devo dire che visto i diversi passaggi della cottura escluderei di fare questa pizza quando si hanno molti ospiti, a meno che non si cuociano prima le pizze e poi si servano scaldate. Io per ora ne faccio al massimo quattro alla volta! (Visto e considerato che ho  il forno piccolo). Come avrete notato dalle foto io non uso la mozzarella che faccio fatica a trovare ma un formaggio tipo sottiletta. Per questo motivo a volte non lo metto subito durante la cottura, ma solo verso la fine altrimenti brucerebbe.
Ci sono altri metodi di cottura come ad esempio l'uso nel forno della pietra refrattaria, che non ho mai sperimentato, ma vi assicuro che questa pizza sembra davvero uscita dal forno a legna!
Se ti é piaciuta questa ricetta aggiungi un tuo commento!