martedì 17 gennaio 2017


Tortino di Fave

(Ricetta con pentola a pressione)



.......................................................
   
Un contorno buonissimo, salutare, diverso dal solito, e dallo splendido aspetto. Credetemi, stupirete con questo tortino i vostri ospiti che una volta assaggiato ne vorranno subito la ricetta.
.......................... 

             Dosi per: 4/6 persone
             Costo: basso         
            Tempo preparazione: 10 min. circa 
            Tempo cottura:  20 min. circa



            Ingredienti:

             (tutte le dosi sono a “bicchiere” usare sempre lo stesso per la 
             misurazione  di  tutti gli ingredienti)

          2 bicchieri di fave secche (senza buccia)
            1 cipolla medio/grande
            2 cucchiaini di zucchero
            1 cucchiaino di sale
            1/3 di bicchiere di olio di oliva
            4 bicchieri di acqua


          Procedimento:
   Normalmente le fave secche vanno tenute a bagno tutta una notte 
   ma grazie alla cottura con la pentola pressione, questo non é 
   necessario.
   Sciacquiamo le fave molto bene privandole di eventuali impurita’ e
   mettiamole nella pentola a pressione,  sbucciamo la cipolla,
   tagliamola in quattro parti ed anch’essa mettiamola nella
    pentola. 
    Aggiungiamo ora, l’olio di oliva, il sale lo zucchero e l’acqua. 
   Chiudiamo la pentola a pressione e mettiamola sul fornello. 
   Calcolate dal primo fischio circa 20 minuti.
   Trascorsi i 20 minuti, sfiatiamo il vapore ed apriamo il coperchio. 
   Prendiamo un frullatore ad immersione e creiamo una purea. 
   Se fosse un po’ troppo liquida rimettete il tegame sul fornello 
   mescolando continuamente per evitare che si attacchi. 
  Comunque potete fare un prova mettendo qualche goccia su di un 
   piattino per vedere se raffreddandosi solidifica. 
   (Come si fa’ per le marmellate).

  Ora prendiamo uno stampo, preferibilmente in silicone ungiamolo 
  con un filo di olio e versiamo il composto livellandolo bene.
   Attendiamo che si raffreddi e mettiamolo in frigorifero almeno per 
   un paio di ore prima di servire.

       Se lo desiderate potete decorare ed insaporire con fette di limone, un filo di olio 
       di oliva e dell’aneto tritato


   Buon appetito!

       Note e suggerimenti:

    Le fave secche sono legumi privi di grassi e contengono fibre, 
    questo fa' di questa ricetta un contorno adatto anche a chi 
    segue una dieta ipocalorica. 

    Se ti é piaciuta questa ricetta aggiungi un tuo commento! 


4 commenti:

  1. Iouso quelle surgelate pensi vadano bene ugualmente?

    RispondiElimina
  2. ottima versione del nostro "macco" di fave!! in Sicilia sono comuni le fave secche decorticate e danno vita a degli ottimi piatti. L'idea di cucinarle direttamente nella pentola a pressione è interessantissima. Noi le mettiamo a bagno una notte e poi le cuociamo come legumi normali. In seguito si crea questa purea, detta macco e si profuma con finocchietto selvatico bollito , olio d'oliva e una macinata di pepe. Prendo nota di questa deliziosa ricetta

    RispondiElimina
  3. In effetti anche qui si usa metterle a bagno una notte, ma a volte capita l'ospite dell'ultimo momento e la pentola a pressione in questo caso é una vera alleata. Io non lo avevo, ma anche noi durante la cottura usiamo l'aneto (che dovrebbe essere simile al finocchietto selvatito) per poi toglierlo prima di creare la purea. E alla fine lo si mette tritato anche sul tortino. Certo che sono tante le versioni di questa ricetta ad esempio c'é chi mette come ingrediente il succo di limone, il gusto é buono ma lo svantaggio che dopo un paio di giorni il tortino comincia ad inacidire.Grazie mille anche per la tua versione Siciliana. Se avrai occasione di provare questa ricetta fammi sapere se ti é piaciuta. Buona giornata.

    RispondiElimina