martedì 12 settembre 2017


Diario di Panificazione, 

pasta madre e dintorni



Ciao a tutte,
con qualche giorno di ritardo, ma eccomi.
Purtroppo la sperimentazione non ha avuto buon fine, e non solo mi ci é voluto qualche giorno per riprendermi dall'arrabbiatura/delusione ma anche per fare una ultima prova, la conclusiva!
Dopo aver fatto passare la notte all'impasto in frigorifero la mattina sono andata per cuocerlo usando il soltito sistema e la pietra refrattaria. Risultato...un disastro! L'impasto ha ceduto da subito sbordando anche dai bordi della pietra e cadendo sul fondo del forno. Non voglio dire oltre perche' sento che mi stanno di nuovo montando su i nervi ma vi posto la foto del pessimo risultato finale.




Pane pesante, poco alveolato, duro fuori e bagnato dentro e basso come una schiacciata. Ora il problema é capire se é stato colpa di Lievitina o della nuova farina, oppure entrambi.
Ho lasciato trascorrere qualche giorno per riprendermi dallo shock e ho voluto riprovare se non altro per giusto dovere di cronaca sugli effetti del congelamento dell'LM.
Per non rischiare di buttare tutto di nuovo, ho usato meta' dosi della ricetta originale e la solita mia farina, meta' integrale e meta' bianca. Ed ecco il risultato



Mi sono un poco sollevata di morale, é evidente che il problema del fallimento del mio precedente pane é stato causato prevalentemente della nuova farina, sulla quale prendero' piu' dettagliate informazioni.


Al taglio é risultato con una bella crosticina esterna, abbastanza alveolato e morbido dentro. Il gusto leggermente acido ma piacevole.

CONSIDERAZIONI FINALI

In base alla mia esperienza di congelamento e risveglio dell'LM credo che non ne valga la pena sopratutto se lo si ha trasformato in un ottimo Li.Co.Li bello pimpante. Quindi credo che abbandonero' definitivamente l'LM per usare esclusivamente il Li.Co.Li. 
Ma non ho certo intenzione di abbandonare questa rubrica che proseguira' per tutto l'inverno con nuove ed esclusive sperimentazioni.

Spero che vorrete continuare a seguirmi, a presto.


     

Nessun commento:

Posta un commento