mercoledì 12 novembre 2014

ABC intreccio cestini



Salve a tutte,
mi sono resa conto che, per chi si avvicina all'intreccio dei cestini per la prima volta é veramente difficile capirne la tecnica a partire dalla  terminologia usata per nominare le cannucce. Quindi ho deciso di fare un po di chiarezza.

L'intreccio dei cestini é un arte molto antica, che usa diversi tipi di materiali, dal salice al midollino, vimini ecc.... e noi le cannucce di carta.

Innanzitutto impariamo cosa sono i MONTANTI e i TESSITORI.

MONTANTI : le cannucce sulle quali si va a fare l'intreccio.
TESSITORI : come dice la parola stessa, sono le cannucce con le quali si tesse, ovvero intreccia.

Detto questo, i cesti possono essere di varie forme, tondi, quadrati, rettangolari, ovali ecc..

Per creare il fondo abbiamo due possiblita' :
FONDO IN CARTONE
FONDO INTRECCIATO

FONDO IN CARTONE:

Questo sistema prevede di creare due forme uguali in cartone o cartoncino. Su di una forma andiamo a incollare le cannucce a distanza di circa 1/1,5 cm l'una dall'altra. Sovrapporre ed incollare l'altra parte.




quindi siamo pronti per partire con l'intreccio

FONDO INTRECCIATO

A seconda della forma del cesto che vogliamo ottenere ci sono vari tipi di intreccio da seguire. Ad esempio per un cesto di forma rotonda partiamo con 8 cannucce, 4 verticali, 4 orizzontali
e si parte ad intrecciare in tondo per 3/4 giri per poi  separare le cannucce a 2/2 e dopo qualche giro a 1/1.




Ottenuto il diametro desiderato, nel caso di un lavoro che procedera' in verticale, alziamo i montanti, oppure posizioniamo la base sulla sagoma desiderata e proseguiamo l'intreccio. 





INTRECCI

Gli intrecci piu' conosciuti sono due:

1 TESSITORE

Con un tessitore é assolutamente necessario che i montanti siano in numero dispari  e si intreccia un montante si e uno no


2 TESSITORI

Con due tessitori, i montanti possono essere pari o dispari. Prendiamo una cannuccia la pieghiamo a meta' ed andiamo ad "abbracciare" un montante la incrociamo ed abbracciamo il montate successivo e cosi via.




A seconda della grandezza e robustezza del lavoro che vogliamo ottenere  per la base intrecciata si usano piu cannucce ed é necessario aumentare i montanti per evitare che rimangano troppo distanziati fra loro. Aumentare i montanti significa aggiungere una o piu' cannucce inserendole al fianco dei montanti esistenti, e separarle durante la lavorazione.

Quando abbiamo lavorato fino all'altezza desiderata é venuto il momento della CHIUSURA.

CHIUSURA

Esistono tanti tipi di chiusura, dai piu semplici ai piu complessi ed articolati. 

Un metodo molto veloce é ripiegare i montanti verso l'interno del lavoro, ed inserirli sotto a uno o due intrecci fermando con un pochino di colla, e naturalmente tagliando l'eccedenza.

Oppure, per una chiusura un po piu' carina che rende anche il lavoro piu' finito possiamo procedere cosi:

Prendiamo un montante e lo portiamo su quello successivo, tirandolo verso l'esterno del lavoro e proseguiamo fino alla fine.



Poi prendiamo un montante, ora all'esterno del lavoro, e lo inseriamo, alzando il montante successivo nel buco che si é creato con il  precedente passaggio. 




Spero di essere stata chiara, e sopratutto utile. Naturalmente, questa vuole solo essere una guida di avvicinamento a questo mondo, ben pıu' complesso.

Buon Lavoro

Gerry Creations





2 commenti:

  1. NON AVEVO ANCORA VISTO QUESTE TUE SPIEGAZIONI, COME SEMPRE MOLTO CHIARE, TU POI SEI UNICA PER DISPONIBILITA' E GENTILEZZA, LE PERSONE COME TE SONO SEMPRE PIU' RARE....POSSO DIRTI CHE TI VOGLIO BENE ANCHE SE NON TI CONOSCO PERSONALMENTE...CON I TUOI POST E I TUOI LAVORI MI AIUTI A PASSARE GRAN PARTE DELLE MIE GIORNATE GRAZIE DI ESSISTERE..........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tue parole, sono bellissime, e io non so veramente come ringraziarti per i complimenti e l'affetto con cui mi segui. Pero' una cosa é certa mi sproni a dare di piu'. Grazieeeeee veramente di cuore

      Elimina